Mainz – Sulle tracce del genio di Johannes Gutemberg

Ed eccoci finalmente a Mainz, la seconda tappa di questo nostro weekend tedesco. Come dite? Cosa ci facciamo a Mainz? Beh in effetti non avete tutti i torti a farci questa domanda. Inizialmente il nostro itinerario prevedeva una visita a Francoforte ma, dopo esserci persi tra le decine di incantevoli paesini lungo il corso del Reno, abbiamo preferito di trascorrere la notte in questa graziosa città medievale, rimandando al futuro il nostro tour della sede tedesca della BCE. Ci scusiamo quindi con tutti quelli che facevano affidamento su di noi per proporre al Governatore Draghi una soluzione per far ripartire l’economia dell’Eurozona. Ma d’altra parte si sa, quando si viaggia, tutto il resto passa in secondo piano!

Continue reading “Mainz – Sulle tracce del genio di Johannes Gutemberg”

Una giornata al freddo e al gelo per le vie di Bratislava

Raccontare il nostro viaggio a Bratislava significa ricordare una delle esperienze più d’impatto della nostra vita. “Saranno rimasti colpiti dalla città”, starete pensando in questo momento. E invece no! O meglio, anche (e non proprio positivamente), ma non è questo il primo pensiero che ci sovviene quando pensiamo alla piccola capitale slovacca. “-17°C”. Sì, proprio così, è questo il numero che balena nelle nostre menti quando riflettiamo sul nostro viaggio nella città. Il solo pensiero ci fa tremare ancora oggi! Continue reading “Una giornata al freddo e al gelo per le vie di Bratislava”

TIMISOARA: come arrivare, come muoversi, dove alloggiare e dove mangiare nella città più occidentale della Romania

Situata al confine con Ungheria e Serbia, Timişoara è una vivace città della Romania che può rivelarsi davvero interessante per tutti quei viaggiatori che vogliono trascorrere qualche giorno in una destinazione al di fuori dei tradizionali itinerari turistici. La città riveste una rilevanza particolare per la storia del Paese: qui infatti, nel 1989, ha avuto inizio la rivolta che ha portato alla fine della dittatura di Nicolae Ceaușescu, un evento drammatico e glorioso allo stesso tempo che viene celebrato oggi a Timişoara con piazze, strade e statue dedicate ai protagonisti di quei giorni. La città, inoltre, è stata scelta come capitale europea della cultura per il 2021.
Qui di seguito vi proponiamo i nostri consigli su come arrivare, come muoversi, dove alloggiare e mangiare a Timişoara. Continue reading “TIMISOARA: come arrivare, come muoversi, dove alloggiare e dove mangiare nella città più occidentale della Romania”

Girovagando per Arad, ai confini della Transilvania

Quando gli chiediamo di portarci ad Arad, il nostro tassista ci guarda con una faccia strana prima di scoppiare a ridere. Subito si ricompone e ci domanda: “Che andate a fare ad Arad?”. In effetti Arad non è una celebre meta turistica: questa tranquilla cittadina di 150mila abitanti è il capoluogo dell’omonimo distretto nella regione della Crişana, racchiusa nel nord-ovest della Romania, tra la Transilvania e il confine con l’Ungheria. Abbiamo deciso di visitarla dal momento che dista solo una cinquantina di chilometri da Timisoara, il primo degli #Outsiderplaces che visiteremo in questo 2017. Continue reading “Girovagando per Arad, ai confini della Transilvania”

TIMISOARA – Un primo sguardo alla città più occidentale della Romania

Ed eccoci finalmente a Timişoara, in Romania, nel primo degli #Outsiderplaces che visiteremo in questo 2017! “Troverete freddo!”, ci dicevano… “La città non è sicura!”, ci dicevano… “E’ pericoloso girare da soli perché sono in corso  scontri di piazza in tutto il Paese!”, ci dicevano… Nulla di tutto ciò! In questa prima giornata a Timişoara abbiamo scoperto un luogo accogliente e davvero interessante, facile da girare e abitata da persone subito pronte ad aiutare i turisti. Ma non solo, siamo stati piuttosto fortunati anche dal punto di vista climatico: nonostante un po’ di pioggerellina, infatti, la temperatura che abbiamo trovato è intorno ai 10° quindi siamo riusciti a girare in tutta tranquillità. Continue reading “TIMISOARA – Un primo sguardo alla città più occidentale della Romania”

Consigli pratici: arrivare, muoversi, mangiare e dormire a Lisbona

Lisbona è la meta ideale per chi vuole visitare una capitale europea a misura d’uomo rimanendo lontano dal caos e dallo stress che caratterizzano le grandi metropoli. Con i suoi monumenti e le sue case colorate, la capitale portoghese è una città da scoprire con calma, magari bevendo un bicchiere di buon vino o assaggiando uno dei tanti dolci locali. Un tempo fulcro dei commerci con le Americhe, Lisbona oggi si presenta agli occhi dei suoi visitatori con l’aria della nobile decaduta  che non vuole rinunciare ai fasti del passato ma cerca di guardare in avanti verso un futuro che sembra nuovamente roseo per sé e l’intera nazione. Insomma, una vera e propria meta da non perdere come conferma la Lonely Planet,che l’ha inserita all’ottavo posto nella sua Best in Travel 2017. Continue reading “Consigli pratici: arrivare, muoversi, mangiare e dormire a Lisbona”

PORTO: come arrivare, come muoversi, dove alloggiare e dove mangiare nella seconda città più importante del Portogallo

Porto è la seconda città più popolosa del Portogallo oltre che uno dei principali centri industriali del paese. Sorge sulle sponde del fiume Douro e dista pochi chilometri dall’Oceano Atlantico, in una posizione strategica che l’ha tenuta al centro dei commerci per secoli contribuendo allo sviluppo fiorente del Portogallo in epoca coloniale. La città di Porto dà il nome sia al Portogallo stesso che al celebre vino liquoroso apprezzato in tutto il mondo e che qui ha il suo centro di produzione. Qui di seguito vi proponiamo i nostri consigli su come arrivare, come muoversi, dove alloggiare e mangiare a Porto. Continue reading “PORTO: come arrivare, come muoversi, dove alloggiare e dove mangiare nella seconda città più importante del Portogallo”

Portugal…aqui vamos nós!

Dopo aver meditato a un lungo, abbiamo finalmente scelto la meta del nostro prossimo viaggio: il Portogallo! È qui che trascorreremo i primi giorni del 2017, iniziando il nuovo anno cercando di conoscere meglio le bellezze e la cultura di una nazione che abbiamo solamente assaporato nel 2014, nel corso di un soggiorno nella lontana isola di Madeira.

Continue reading “Portugal…aqui vamos nós!”

Belfast, oltre le diversità per un futuro di pace

Belfast è una città che va’ oltre ogni concetto di turismo. È un luogo unico, in cui è impossibile analizzare il presente senza considerare le cicatrici ancora fresche di un passato in cui odio e guerra civile hanno sconvolto migliaia di famiglie che ancora oggi vivono separate da muri e filo spinato. Una città controversa, ma in grado di travolgere ogni visitatore con emozioni uniche e indescrivibili.

Belfast - Pinterest

Abbiamo visitato Belfast nel 2014, durante uno dei nostri numerosi viaggi in terra irlandese. Raggiungere la città è semplicissimo: i due aeroporti cittadini (uno dedicato alla memoria dell’indimenticato campione George Best) sono collegati a Milano e Roma e serviti da RyanAir, AerLingus e Flybe. Noi siamo arrivati da Dublino con un pullman che abbiamo prenotato al Dublin Tourism Office. La città non è molto grande e un paio di giorni bastano per visitarla approfonditamente.

Un giro di Belfast non può che iniziare da Donegall Square, la piazza principale in cui sorge l’edificio più imponente della città: il Belfast City Hall. Il municipio cittadino è senza dubbio il simbolo di questa città. È caratterizzato da una cupola vittoriana che ricorda molto la cattedrale di St. Paul a Londra e rimarca ancora una volta l’appartenenza al Regno Unito. Il municipio è visitabile gratuitamente previa prenotazione sul sito http://visitbelfast.com/ .

Freddo e pioggia permettendo, passeggiare per Belfast è molto gradevole dato che i monumenti principali sono tutti a pochi passi uno dall’altro. Dal Belfast City Hall, camminando su Donegall Place, si arriva in pochi passi alla Cattedrale di Sant’Anna. La chiesa, ovviamente protestante, è al centro del Cathedral Quarter, una ex area popolare in cui i segni della sofferenza economica sono piuttosto evidenti.

A pochi passi da Donegall Square si trova anche Great Victoria Street, l’arteria principale dello shopping cittadino con il centro commerciale Victoria Square, caratterizzato da una grande cupola di vetro e dalla presenza delle principali griffe internazionali.

Spostandoci verso sud su Great Victoria Street si arriva a University Road, una lunga strada che porta ad una delle eccellenze cittadine: la Queen’s University (http://www.qub.ac.uk/). Il campus dell’ateneo, davvero molto bello, si distingue in un quartiere molto vivace, ricco di studenti che affollano i numerosi pub della zona.

Queen's University

Un’altra delle attrazioni di Belfast da non perdere è il Titanic Center. Raggiungerlo a piedi non è semplicissimo per cui vi suggeriamo di prendere un taxi che vi porterà lì con poche sterline e in breve tempo. Il Titanic Center è più di ciò che vi aspettate. Non si tratta infatti di una semplice rievocazione della nave da crociera più famosa al mondo, che proprio a Belfast venne costruita, bensì di una vera e propria celebrazione di quella che per oltre un secolo è stata la principale fonte di reddito per milioni di nordirlandesi: l’industria navale. Una visita al Titanic Center vale davvero la pena anche se, secondo noi, la moderna struttura realizzata dal celebre architetto Eric Kuhne è davvero in contrasto con lo stile del quartiere.

Titanic

Abbiamo lasciato per ultima quella che secondo noi è la principale cosa da fare a Belfast: un giro dei murales cittadini. Per farlo, vi suggeriamo caldamente di affidarvi ad una guida o almeno ad un tassista, così da poter comprendere fino in fondo il significato di queste vere e proprie opere d’arte che ben rappresentano il dolore vissuto da questo popolo. I murales sono sparsi praticamente in tutta la città, ma ci permettiamo di consigliarvi due zone in particolare. Innanzitutto Shankill Road: questo quartiere, culla della working class lealista alla regina, è stata per anni il centro di alcuni tra i più violenti Troubles che hanno insanguinato Belfast. Oggi la fedeltà al Regno Unito è ancora molto evidente e la si nota in tutto il quartiere, con le Union Jack presenti praticamente su ogni edificio e ritratti dei residenti caduti durante gli scontri. La situazione nel quartiere di Shankill è oggi abbastanza tranquilla, anche se non è raro che accadano scontri soprattutto durante le parate orangiste di giugno. Per questo vi consigliamo davvero di non avventurarvi da soli. A pochi metri da Shankill Road, si trova poi Falls Road, il principale quartiere cattolico e area in cui il sentimento indipendentista è più forte. Qui potete trovare alcuni tra i più celebri murales, come quello dedicato a Bobby Sands, leader della rivoluzione morto in carcere nel 1981 dopo uno sciopero della fame, o quello dedicato al presidente sudafricano Nelson Mandela.

20131229_141218

Il tour dei murales è, secondo noi, il modo migliore per concludere una visita di Belfast, prima di entrare in un pub e riflettere davanti ad una birra e ad un hamburger sul tragico passato di questa terra martoriata da una guerra fratricida che ha strascichi anche nel presente. Un presente in cui i nemici da combattere non sono più cattolici o protestanti, ma disoccupazione e alcolismo. Due dittatori moderni che stanno opprimendo un popolo fiero e generoso a cui siamo davvero molto legati e a cui auguriamo di trovare finalmente la felicità. Insieme.

20131229_141007

Parigi in un giorno? E’ possibile…e noi l’abbiamo fatto! [Itinerario incluso]

Immaginate di essere una coppia di studenti universitari in periodo di esami, abbastanza spiantati e senza alcuna intenzione di chiedere un contributo economico alle vostre famiglie. E adesso immaginate anche di desiderare più di ogni altra cosa un viaggio a Parigi, la città romantica per eccellenza. Cosa fate? Continue reading “Parigi in un giorno? E’ possibile…e noi l’abbiamo fatto! [Itinerario incluso]”